Rigers Kadija alla Boa Vista Ultramarathon di 150 km a Capo Verde

Rigers Kadija alla Boa Vista Ultramarathon di 150 km a Capo Verde

Ho scoperto di avere una mentalità forte quando sono al culmine della fatica

Matteo Simone

29 Novembre 2019

0

Sempre più persone provano a cimentarsi in corse con ostacoli, dove bisogna essere oltre che veloci anche svegli e scaltri per superare ostacoli e prove durante il percorso più o meno lungo. Nel 2004 partecipai alla “Roma No Limits” di 36km e l’anno successivo maratona con partenza nel Lago di Anguillara, bisognava correre anche in acqua e attraversare zone impervie.

Successivamente nel 2009 tale maratona fu ridotta ad una decina di chilometri dentro Roma, lungo le sponde del Tevere e prevedeva l’attraversamento dell’Isola Tiberina su un ponte tibetano dove atleti anche molto veloci un po’ tentennavano e poi si rifacevano quando scendevano dal ponte, altri ostacoli erano l’attraversamento di pneumatici, camion, tunnel.

Così ora c’è la possibilità di partecipare alle cosiddette “Obstacle Course Race” OCR che prevedono diverse prove da superare oltre che correre. Di seguito, Rigers Kadija del Team Inferno, terzo nel Campionato Italiano OCR 2018 e secondo nel 2017, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande: Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita?

Sì, dopo essere stato l’unico ad avere completato tutta la gara. Si chiamava Mattacorsa, 15 km e 50 ostacoli in provincia di Modena, sono stato l’unico a completare tutti gli ostacoli.

Certo, gli atleti cercano gare sempre più difficili e sfidanti al punto che a volte nessuno arriva al traguardo, già qualcuno mi aveva raccontato dell’esistenza di queste gare molto estreme e per chi arriva al traguardo è davvero una bella soddisfazione, una motivazione a impegnarsi, a sentirsi di riuscire nello sport ma anche nella vita: Qual è stato il tuo percorso nella pratica sportiva?

Ho iniziato alle superiori con l’atletica leggera, velocista 100 piani e successivamente ho allungato le distanze avvicinandomi al trail running e alle ocr (obstacle course race).

Tanti atleti iniziano con il mezzofondo e poi arrivano a correre la maratona dopo anni di impegno e allenamento gradualmente. Rigers sembra aver fatto tutto velocemente ma con consapevolezza, intenzione e motivazione, passando dai 100 metri e arrivando a voler correre una gara di ultratrail di 150 km, complimenti alla sua grande fiducia, consapevolezza e resilienza nel portare avanti le sue sfide: Quali fattori contribuiscono al benessere e performance nello sport?

Un buon programma di allenamenti, stimolante per il fisico e la mente, ma soprattutto la motivazione.”

Concordo cono Rigers, la motivazione è un grande motore che spinge persone a impegnarsi a sopportare carichi di lavoro, a fare sacrifici in allenamenti duri e impegnativi per poter poi presentarsi in linea di partenza sempre pronti e consapevoli del proprio lavoro, pronti ad apprendere da qualsiasi esperienza: C’è qualcuno che contribuisce al tuo benessere e performance nello sport?

Il mio allenatore e la mia ragazza.”

Cosa pensano familiari e amici della tua attività sportiva?

Che sono da ammirare in quanto a costanza e motivazione.”

L’atleta non è solo, oltre agli eventuali amici di allenamento e di squadra, ha possibilmente un allenatore che lo guida, consiglia, supporta, osserva, modula programmi di allenamenti in base alla forma del momento e si confronta con eventuali gare da potersi testare. Importante è poi per l’atleta essere sereni e coccolati possibilmente da partner, famiglia e amici: Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?

L’anno scorso, ai mondiali Ocr di Londra, correvo la staffetta a 3 con la nazionale e prima del traguardo c’era un muro alto da scavalcare con la tecnica militare aiutandoci tutti e 3. Io una volta arrivato in cima sono rimasto appeso per fare da corda per il compagno rimasto giù. Lui prende la rincorsa, salta e cerca di aggrapparsi alla maglia ma finisce per prendere i miei pantaloncini e me li butta giù. Gente da tutto il mondo ha visto il mio sedere appeso lassù!

Nello sport che prevedono ostacoli capitano spesso eventi curiosi e bizzarri, se ne vedono di tutti i colori e comunque quando c’è gara non si pensa a niente, non esistono tabù, bisogna andare sempre avanti in qualsiasi modo, poi ci si rende conto di quello che è successo: Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare sport?

Ho scoperto di avere una mentalità forte quando sono al culmine della fatica, questo gradualmente si è rispecchiato sul mio carattere facendomi acquisire una maggiore sicurezza in me stesso e una migliore gestione dello stress.”

Concordo, lo sport è una palestra di vita, soprattutto uno sport duro e impegnativo con ostacoli dove ci sono tanti muri e blocchi da attraversare fisici e mentali, tale sport può diventare un trampolino verso il benessere e la fiducia in sé nella vita privata, quando si va al lavoro in giacca e cravatta e si presenzia a una riunione dentro di sé si sa quanto si vale e quindi le parole e i discorsi escono più fluidi e si è più socievoli perché si ha una vita parallela sportiva che potrebbe già bastare a dare un senso alla propria esistenza: Quali sono le capacità, caratteristiche, qualità che ti aiutano nel praticare il tuo sport?

Tenacia, motivazione, resilienza.”

Rigers ha chiaro le sue tre chiavi del successo, la base è la motivazione, il voler fare qualcosa con piacere anche se è dolorosa e faticosa a volte e potrebbe procurare sofferenza, ma fortifica, perché fisico e mente si adatta e si costruisce gradualmente la performance e quando ci sono problemi, crisi, infortuni è proprio lì che scatta l resilienza, non sfiduciarsi, non mollare, non disperdere energie inutilmente ma organizzarsi, comprendere, apprendere, affidarsi a qualcuno e ripartire con più entusiasmo e pazientemente: Che significato ha per te praticare il tuo sport?

Ho un’idea particolare dello sport e della fatica: l’uomo fin dalle sue origine ha sempre vissuto sottoposto a continui stress e fatica per sopravvivere. Ora la stessa fatica la cerchiamo nello sport e cerchiamo di spingerci sempre oltre. Mi piace pensare che noi atleti, allenandoci per tutta la vita, si trasmetta poi queste qualità alle generazioni future. I nostri figli magari avranno nel DNA qualcosa che si è evoluto in meglio grazie alle fatiche fisiche di una vita intera.”

Vero, possiamo invertire il processo di evoluzione verso la comodità e tecnologia, cercando di essere più pratici e sapendosi mettere in gioco, tutto dipende da noi, da come ci approcciamo alla vita, alle cose, alle persone, se siamo comodi possiamo restare in zona di confort e lamentarci se stiamo male, da soli, se non ci chiama nessuno; se usciamo di casa e andiamo per boschi o monti potremmo anche perderci ma abbiamo vissuto e imparato a uscirne fuori stanchi ma soddisfatti per esserci riusciti: Quali sono le sensazioni che sperimenti nello sport?

Assoluta libertà e benessere, in alcune particolari condizioni la mia corsa diventa perfetta, la mente gode appieno di tutto ciò che mi circonda e la fatica sparisce, è una sensazione bellissima.”

Il cosiddetto flow, lo stato di grazia: tutto fila liscio, il tempo scorre, il gesto atletico perfetto, si arriva al traguardo con forza ed entusiasmo, dopo tanti allenamenti duri ma con belle sensazioni, una grande carica energetica: A cosa devi fare attenzione nella pratica del tuo sport?

Devo stare attento a non infortunarmi mentre corro o supero ostacoli, ma infondo mi alleno per questo.”

Quali sono condizioni fisiche o ambientali ti ostacolano nella pratica del tuo sport?

Nessuna, mi alleno con qualsiasi condizione, in qualsiasi ambiente.

Si impara a superare qualsiasi ostacolo, ecco perché Rigers è riuscito ad arrivare da solo a una gara con 50 ostacoli, perché è allenato a superare ostacoli, un vero atleta resiliente: Cosa ti fa continuare a fare attività fisica, hai rischiato di mollare di fare sport?

Non ho mai mollato, sono sicuro che lo praticherò per tutta la vita perché non mi pesa e mi fa stare bene.”

Quale può essere un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi al tuo sport?

La vita è piena di ostacoli, la cosa migliore è fare questo sport che ti allena a superarli.”

Vero, per tutti la vita è piena di ostacoli e quindi importante è allenarsi a superarli con lo sport con ostacoli artificiali o naturali ungo il percorso così quando capitano situazioni reali nella vita quotidiana si è più pronti e fiduciosi nel poterli superare o aggirarli: Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport?

Penso sia utile una figura motivazionale, un mental coach.”

Prossimi obiettivi?

Il 30 novembre correrò la Boa Vista Ultramarathon di 150 km a Capo Verde.”

Una bella sfida per Rigers, certo da solo ci si può allenare ma con un allenatore che guida e una ragazza che sostiene molto meglio, la motivazione è più alta e costante: Sei consapevole delle tue possibilità, capacità, limiti?

Sono molto consapevole, sono una persona molto oggettiva.”

Quanto ti senti sicuro, quanto credi in te stesso?

Credo molto in me stesso, ma sono conscio anche dei miei limiti.

Qual è una tua esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare?

Sono sopravvissuto a una escursione solitaria sul Monte Rosa che mi ha forgiato mentalmente.

L’esperienza aiuta a ricordarsi quante volte si è riusciti ad arrivare, a uscirne fuori, a raggiungere mete e vette; quante volte gli ostacoli sembravano insormontabili ma avvicinandosi si è riusciti a trovare il giusto modo e la giusta strategia: Quali sono le sensazioni relative a precedenti esperienze di successo?

Ogni vittoria rafforza il fisico e la mente.”

Hai un modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno?

Mi ispiro a Jonathan Albon, campione del mondo di Ocr e trail running.”

Rigers ha a disposizione grandi fonti di autoefficacia, tante precedente esperienze soprattutto di vittoria, persone di riferimento che diventano modelli da imitare per comprendere quali aspetti curare per far meglio: C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta a crederci ed impegnarti?

Si vive una volta sola, ma se lo fai bene, una è abbastanza.”

Come hai superato eventuali crisi, infortuni, sconfitte, difficoltà?

Con la motivazione e la forza mentale di non arrendermi. Le difficoltà sono delle opportunità per sapere quanto valgo.”

La vita è bella, va vissuta, va scoperta, va apprezzata, complimenti a Rigers per la sua passione, motivazione, risultati e le continue sfide a cui va incontro.

Ho scritto alcuni libri riguardanti la psicologia dello sport e dell’endurance grazie anche ad atleti come Rigers: “O.R.A. Obiettivi, risorse, autoefficacia. Modello di intervento per raggiungere obiettivi nella vita e nello sport”, Aras Edizioni; “Sviluppare la resilienza. Per affrontare crisi, traumi, sconfitte nella vita e nello sport”, MJM Editore; “Sport, Benessere e Performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, Prospettiva Editrice; “Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline.

Nell’ambito della 20 Rassegna dell’Editoria Abruzzese, sabato 30 novembre 2019, alle ore 16, presso il Circolo Amiternino in Piazza Garibaldi a Pescara, Matteo Simone, Psicologo dello Sport e autore del volume “Maratoneti e Ultrarunner” ne parlerà con il pubblico e con Massimiliano Di Liborio, Psicologo dello Sport e membro del Direttivo dell’Associazione Italiana di Psicologia dello Sport e dell’Esercizio (AIPS).

Sarà una occasione per parlare dei contenuti del libro ma anche di quello che, da un punto di vista psicologico, significa impegnarsi in attività sportive estreme come le ultramaratone.

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR