Come pedalare in gruppo in sicurezza

Come pedalare in gruppo in sicurezza

Se vai in bici, o hai assistito a qualche gara di ciclismo, avrai sicuramente notato che spesso i ciclisti pedalano […]

Dad 2 Tri

16 giugno 2015

1

Se vai in bici, o hai assistito a qualche gara di ciclismo, avrai sicuramente notato che spesso i ciclisti pedalano in gruppo, molto vicini gli uni agli altri. Quando un ciclista pedala molto vicino a chi lo precede, si dice che “sta in scia”.

A vederlo da fuori, fa un po’ impressione! Pedalare così veloci e allo stesso tempo così vicini…In qualche corsa ciclistica avrai anche visto che la caduta di uno provoca una reazione a catena con la caduta di molti ciclisti che seguono.

 

Ma se è così pericoloso, perché lo fanno?

Perchè andare in scia è conveniente: ad alta velocità (diciamo dai 30-35 km/h in su), la maggior parte della resistenza all’avanzamento è dovuta all’attrito con l’aria.

Stando in scia, ti troverai un una “bolla d’aria”, ovvero una zona dove la densità dell’aria è minore, perché i ciclisti che ti precedono l’hanno già “spostata”.

L’effetto di questa “depressione” dell’aria è che tu troverai meno resistenza e, a parità di velocità, farai meno fatica!

L’efficacia dell’effetto della scia è maggiore stando vicino al ciclista che ti precede: naturalmente, in questo modo aumentano i rischi di cadere, perché avrai meno distanza di sicurezza in caso di frenata o di manovre impreviste…

dad2tri-pedalare-in-gruppo-02
Una caduta di gruppo

 

Come faccio a non cadere?

È molto importante imparare a pedalare in gruppo in modo corretto, efficiente e soprattutto sicuro.

Quando ho acquistato la mia prima bici da corsa, ho iniziato a pedalare da solo, per abituarmi alla posizione in sella; e quando uscito in gruppo la prima volta, ti confesso che avevo paura di cadere, stando così vicino agli altri ciclisti!

Poi, con il tempo e soprattutto grazie ai consigli dei ciclisti più esperti, ho imparato alcuni trucchi per pedalare in gruppo in sicurezza, che ora sono felice di condividere con te.

 

I 5 consigli per pedalare in gruppo in sicurezza

  1. Pedala in modo regolare e mantieni la distanza: quando sei in gruppo sarai allo stesso tempo vicino a qualcuno davanti a te, e qualcun’altro sarà incollato alla tua ruota posteriore. Stai quindi attendo a non fare manovre brusche, come frenate o cambi di direzione repentini: rischieresti di essere “tamponato”! Sii regolare anche nella distanza da chi ti precede. L’ideale è stare a 40-50cm di distanza, e disallineato di 20-30 cm, in modo da avere margine di sicurezza in caso di frenata improvvisa di chi ti precede
  2. Avvisa gli altri ciclisti degli ostacoli: chi sta dietro di te, non vede gli ostacoli, così come tu non vedi cosa c’è davanti a chi ti precede. Tra ciclisti in gruppo si usa indicare con il braccio teso verso il basso un ostacolo come una buca, un auto, un pedone… Replica se puoi il segnale per chi ti segue
  3. Guarda oltre: non fissare solo la ruota di chi ti precede! Anche se gli ostacoli più piccoli possono essere nascosti da chi ti precede (per questo usiamo i gesti per segnalarli), cerca di guardare avanti comunque per vedere in anticipo curve, incroci, auto… qualsiasi cosa possa rallentare o deviare il flusso del gruppo e quindi richiederti una correzione di traiettoria o velocità
  4. Dai il cambio: stare in scia è vantaggioso perchè ti fa risparmiare energie: ma non approfittare troppo della fatica altrui! Sia in allenamento che in gara, partecipa alla condivisione dello sforzo offrenditi di alternarti alla testa del gruppo. Chi sta in testa si dice che “tira” il gruppo. Chi sta sempre in scia viene chiamato “succhiaruote” e non è affatto amato ;-)
  5. Impara a staccarti dal gruppo: se non riesci a tenere l’andatura del gruppo, o vuoi lasciare la testa dopo aver “tirato”, accertati che chi ti sta accanto e dietro lo sappia in anticipo: voltati, fai un cenno, in modo da non sorprenderli con una manovra imprevista.

 

Nel Triathlon

Nella maggior parte delle gare di triathlon, sulle distanze Sprint e Olimpico, è consentita la scia (detta anche draft) .

Non tutti i triatleti sono ciclisti esperti: se, come me, non hai un passato da ciclista, avrai forse già scoperto che andare in bici in gruppo e stare in scia agli altri ciclisti è sicuramente una delle nuove cose importanti da imparare.

Ti consiglio quindi di esercitarti uscendo con i tuoi compagni di squadra, simulando le situazioni di gruppo che poi ritroverai in gara.

In questo moto acquisterai esperienza e dimestichezza con una situazione potenzialmente pericolosa, e in gara potrai affrontare la frazione ciclistica con più sicurezza.