Per una Pasqua ENDUstyle!

Per una Pasqua ENDUstyle!

  In vacanza dal lavoro, sì, ma non dallo sport! Per chi vive ENDU le giornate di festa significano prima […]

Laura Ugolotti

12 Aprile 2017

0

 

In vacanza dal lavoro, sì, ma non dallo sport! Per chi vive ENDU le giornate di festa significano prima di tutto più tempo libero a disposizione per gli allenamenti.
Un modo come tanti – anzi, meglio di altri – per godersi le belle giornate e concedersi qualche sfizio a tavola senza troppi sensi di colpa. Anche perché, incurante di pic-nic, pranzi pasquali e grigliate tra amici, la prova costume vi aspetta dietro l’angolo.
Tutti a correre, allora? Sì, ma con qualche accorgimento.

ENDUstyle

Prima di tutto il buonsenso a tavola, consigliabile sempre, non solo durante le feste. Pasqua è l’occasione per concedersi qualche peccato di gola, certo, ma questo non significa abbandonarsi agli eccessi. Il rischio è di vanificare i progressi che avete conquistato con fatica nei mei invernali.

Non è necessario rinunciare ai dolci, ma invece di abbuffarvi con un uovo intero, potreste organizzarvi per sfruttate delle piccole porzioni quotidiane di cioccolata – meglio se fondente – come fonte energetica per le vostre uscite.

Altrettanto consigliabile è che gli allenamenti restino il più possibile regolari, adattandoli magari ai giorni di festa. Approfittate dei ritmi diversi e del tempo libero per cambiare giorno, orario o percorso, ma cercate di non modificare troppo il carico settimanale.

Allo stesso tempo evitate di sovraccaricare questa settimana: la sessione intensa di ripetute può aspettare qualche giorno.
E, soprattutto, non uscite dopo un pranzo o una cena troppo abbondante. Aspettate almeno 3-4 ore. Il momento ideale? La mattina presto: vi sederete a tavola più leggeri e farete una scorta di energia sufficiente per tutta la giornata.
Così, non perderete i progressi ottenuti negli ultimi mesi di preparazione e vi godrete di più ogni allenamento.