Milano Cortina, il sogno Olimpico diventa realtà!

Milano Cortina, il sogno Olimpico diventa realtà!

Il grande lavoro fatto dall’organizzaazione ha convinto i membri del CIO, il 2026 le Olimpiadi invernali saranno in Italia.

Andrea Toso

24 Giugno 2019

0

Fiducia.

Il progetto Milano Cortina ha ottenuto la fiducia del CIO e nel 2026 l’Italia ospiterà nuovamente le Olimpiadi invernali dopo Cortina 56 e Torino 2006 .
La candidatura della Svezia sebbene supportata dalla potentissima Gunilla Lindberg, non ha ottenuto la credibilità dei membri del CIO che hanno votato definitivamente per il progetto italiano e rigettato quello di Stoccolma e Are, anche grazie all’ultima presentazione fatta a Losanna che oltre a organizzatori, il primo Ministro Conte e al presidente Mattarella ha sfoggiato 4 ori al femminile che hanno scaldato la platea con simpatia, puntando su giochi per normodotati e paraolimpico.
Le perplessità esistevano per gli impianti di bob a Cortina dal costo di 50mln di euro e di pattinaggio veloce a Baselga di Pinè in provincia di Trento con 40 mln di euro non garantiscono un futuro attivo di autosostenimento delle spese, c’è anche da ricordare che l’Italia non è il Canada, e che per far emergere nuovi sport bisogna investire in impianti che diano qualità e possibilmente continuità, cosa che a Cesana non si è riusciti a fare purtroppo.
Adesso dobbiamo meritarci la fiducia, usiamo la prima persona plurale, perché l’Italia siamo tutti, non solo il comitato olimpico, ma ogni imprenditore che potrà giovare del progetto, ogni ragazzo che si allenerà in maniera mirata per arrivare al giorno della sua gara con la volontà di dimostrare che l’Italia può cambiare, che non sarà un pozzo senza fondo di spese e una tasca da cui attingere con mezzucci ed amicizie come è sempre stato nei grandi eventi, tanto da farci perdere credibilità anche dopo il teorico rinnovamento post prima repubblica, post tangentopoli, post seconda repubblica.
Se si lavora BENE c’è guadagno per tutti, c’è lavoro per tutti direttamente o indirettamente, di certo bisogna essere onesti e progettuali per coinvolgere aziende etiche, dinamiche e non amiche, pensatori ingegneri ed architetti che diano il valore aggiunto reale dell’Italia, come Ron nel progetto, così da dimostrare quale sia il talento di questa bella nazione.
Milano si sta dimostrando in evoluzione continua e sta trainando moda cultura e sport, Cortina garantisce quel pizzico di Vip e di storia che serve al progetto, piste incomparabili e paesaggi unici, che saranno stressati dal primo test per il 2020 in vista dei mondiali 2021, una parte del lavoro sarà già pronta e si potrà lavorare sulle infrastrutture troppo statiche fini ad oggi, vivacchiando sui talenti ricevuti per il 56.
adesso rimbocchiamoci le maniche, tra 6 anni e mezzo abbiamo l’Olimpiade!