Maledetto infortunio, che fare?

Maledetto infortunio, che fare?

Il modo giusto per affrontare un periodo di stop forzato dal proprio sport preferito, ce lo racconta Stefano Rinaldi.

Stefano Rinaldi

09 Marzo 2020

0

Il mio stop forzato.

Vi scrivo da casa quando in questo momento dovevo essere al caldo alle Canarie più precisamente a Maspalomas per il primo vero appuntamento della stagione, Transgrancanaria advanced, un gara spettacolare di 65 km tutta su è giù attraversando l’isola. Vi scrivo da casa mia perché in questo momento sono infortunato, è da circa un mese che non riesco proprio a correre.

Ci provo a non pensarci o meglio provo a distrarmi a pensare ad altro, alla fine nella mia vita ho tante cose da fare, forse anche troppe, ho una famiglia splendida, una casa tutta mia che ha continuamente bisogno di attenzioni, ma non c’è verso appena lascio alla mia mente un “buco” libero il pensiero va sempre lì, fisso a quel maledetto dolore all’inguine, nato una mattina dal nulla e da un mese circa che mi perseguita, è sempre presente o almeno appena accenno ad un movimento un po’ particolare o improvviso mi ricorda di esserci.

Non so più che fare, sono andato dai migliori specialisti ma nulla non si riesce a capire che cosa sia.

Vi racconto questo non tanto per farvi sapere cosa sto passando, molto probabilmente non vi interessa molto, ma per cercare di spiegarvi quanto la testa e la mente abbiano un ruolo chiave direi anche fondamentale nell’affrontare un periodo di stop forzato a causa di un infortunio o altro.

Prima di tutto vi consiglio vivamente di prendere questo periodo per rigenerare il vostro fisico e la vostra mente, cercate di svuotarlo da tutto completamente, comprese tutte quelle tensioni e preoccupazioni  varie dovute da periodi in cui dovete affrontare gare o allenamenti intensi o altri stress. Svagatevi cercate di pensare ad altro scoprite attività alternative, ciclismo, camminate, piscina o altro che vi fa stare bene sia a livello fisico che psicologico.

Altra cosa secondo me fondamentale e cercare di capire se prima di arrivare all’infortunio vero e proprio quindi allo stop dall’attività fisica se il vostro corpo vi ha avvertito con dei segnali vari, cercate di analizzare tutto per evitare di incapparci in futuro e cercare di prevenire.

Tutto questo per dirvi di non abbattervi se c’è un periodo di stop dalla vostra attività, tenete o cercate di tenere sempre alto il morale (lo so che non è sempre facile) approfittate di questi momenti per passare del tempo con persone a voi care, vedrete che tornerete al Top in men che non si dica, ci vediamo in giro, probabilmente ora sulle 2 ruote.

Un breve consiglio, sicuramente è sempre meglio riprendere a correre sani, senza fastidi che riprendere da “malati”.