Limar Delta e Limar Air Pro

Limar Delta e Limar Air Pro

Limar ad Eurobike ha presentato una grande novità con il casco mtb downhill Delta e conferme con l’innovativo leggerissimo Air Pro.

Andrea Toso

26 Settembre 2019

0

Nella marea di novità presentate a Eurobike siamo andati a visitare Limar, una delle realtà italiane che brillano nel World Tour fornendo ad esempio la squadra Astana, che oltre a presentare le linee cycling di cui poi daremo un accenno, ha lanciato un nuovo casco con focus DownHill, passione di uno dei figli della proprietà che nonostante sia ancora studente (di design comunque!) ha collaborato attivamente al progetto per creare un prodotto centrato alle esigenze degli appassionati.

Nasce così Delta, il casco Off Road utile ovviamente dalla Mtb fino downhill, che offre una protezione completa da tempie a nuca ma leggero, con una ventilazione ottimale con 17 prese d’aria che mira a farne dimenticare la presenza, una chiusura precisa grazie alla doppia regolazione, sia con rotore orizzontale che slittamento verticale, con la visiera regala riparo dal sole quando necessario, ma quando si pedala in salita lascia spazio alla maschera ruotando verso l’alto.

Il peso è davvero minimo per un casco di questo mondo, solo 310 gr per la taglia M per circonferenze tra 52-57 cm, la taglia L veste invece 57-62 cm. L’imbottitura antibatterica è ovviamente amovibile e lavabile.

Per dare un completo focus sulla protezione abbiamo parlato anche del casco road Air Pro che unisce al polistirolo espanso tipica imbottitura anche la solidità e leggerezza del carbonio, creando un’anima con massima resistenza con spessori minimi. Due ali strutturali si fondono con delle “costole” longitudinali della calotta, creano un gabbia super performante in sicurezza aerodinamica e ventilazione.

Con caschi aero TT , stradali ed una collezione di occhiali si completa una linea ricca e innovativa, sempre molto accattivante nel look quanto performante nata dalla galleria del vento come necessario in un mercato super competitivo, ma se i Pro di Astana ci convivono allenandosi e gareggiando e ci vincono, significa che la ricerca svolta ha avuto successo.