Libertà: Diritto Dono Privilegio

Libertà: Diritto Dono Privilegio

Cos’è per te la libertà? Quanto è importante? Come ti sei sentito in questi lunghi mesi in cui qualcuno ha scelto – dovuto scegliere – di porre enormi limitazioni alle nostre vite per il bene comune?

Riccardo Mares

20 Maggio 2020

0

Siamo in piena Fase 3 di un lungo momento della nostra nazione chiamato Corona Virus o Covid 19. All’alba di molte nuovi concessioni rispetto alle severe restrizioni pandemiche, abbiamo già ripreso ad assaporare piccole dosi di libertà.

Più volte in questi giorni di “restrizione” mi sono chiesto cosa realmente sia la libertà, con il rischio di entrare nel mondo della mera filosofia, in cui non posso spadroneggiare da esperto (con spirito distintivo, cit. Rosserva).

La cosiddetta pandemia ha costretto governi e regioni a porre notevoli limitazioni alla vita delle persone e delle attività locali. In alcune regioni d’Italia non era permesso nemmeno la corsetta in prossimità di casa: molti si sono organizzati al meglio delle possibilità, i più fortunati con un tapis roulant, i rulli altri con lavori sul post, la corda da saltare o le scale del condominio.

Oggi sembra quasi sia passato un secolo da quei momenti: io ho avuto la fortuna di potermi allenare attorno all’isolato, entro i 200 m dall’abitazione e devo dire che è stato un bell’andare, considerando che ero in una fase di recupero. 

Quanta libertà abbiamo perso? O forse ne abbiamo solo perso il concetto assoluto, riguadagnandoci la libertà di poter scegliere se rassegnarci o continuare a combattere per non lasciare che un virus prendesse il controllo della nostra vita? Chi ha fatto sacrifici per riuscire a fare qualcosa all’interno delle mura di casa era più o meno libero di chi si è fatto sopraffare dagli eventi?

Virginia Woolf scrisse:

Chiudete tutte librerie, se volete; ma non c’è nessun cancello, nessuna serratura, nessun bullone che potete regolare sulla libertà della mia mente.

Dove è sita la libertà? In ciò che facciamo, in ciò che possiamo fare o nella libertà di poter scegliere all’interno del perimetro a nostra disposizione? Perché è palese che la vera libertà è il potersi permettere tutto ciò che non lede gli altri. Essere potenziali trasmettitori di un virus irrefrenabili e scegliere di fregarsene è essere liberi? 

Aristotele – in tempi non sospetti – proclamava:

Solo chi ha superato le sue paure sarà veramente libero.

Hai mai provato paura in questo lungo periodo di limitazione? Io personalmente ho avuto paura: il mancato controllo della situazione, l’impossibilità di poter fare scelte concrete e soprattutto la totale mancanza di un’informazione certa e di una previsione mi impauriva. Così come mi sentivo “sporco” nel correre attorno all’isolato, in completa solitudine, coperto dal buff… non mi sentivo completamente sereno. Qui molti dovrebbero mettersi la mano sulla coscienza per aver approfittato del momento per seminare il panico, guadagnando qualche click in più o un po’ di momentanea popolarità.

Quanto la nostra libertà dipende dagli altri? Quanto la libertà di mettere la nostra passione davanti ad altri impegni è simbolo di libertà o di menefreghismo? Onestamente io tutte queste risposte non le ho, ma queste domande sono ottimi compagni di viaggio per i fondi lunghi, quando il respiro è calmo, il cuore batte con una vecchia Guzzi bicilindrica ai regimi bassi e la testa può volare tra pensieri e risposte non date.

Ti lascio con questo aforisma del saggio Hermann Hess, che mi provoca un sacco di altre domande che ho il piacere di lasciarti, magari le metti nei commenti:

Se per la tua gioia hai bisogno del permesso di altri, sei proprio un povero sciocco.

Quanto siamo liberi? Quanto sei libero? Io mi sono sentito liberissimo quella mattina, all’alba della fase 2, quando ho fatto il passo oltre al limite della mia “criceto” pista verso nuovi spazi: è stato un senso di liberazione profondo, un senso di passaggio. Così come mi sento libero quando scelgo di dedicare tempo alla famiglia rispetto alla mia passione. E te?

A presto e grazie per avere letto fin qui.

ps: se non l’hai già fatto iscriviti al mio canale Telegram “MerlinoxRuns