il cammino verso in mondiale Spartan Race

il cammino verso in mondiale Spartan Race

il nostro ambassador Matteo Pelizza ci racconta come procede il suo cammino verso il mondiale Spartan Race, mind body and soul devono essere allineate al momento giusto.

ENDU

07 Luglio 2020

0

Allenamento 


Anche le ultime 2 settimane di giugno sono andate, ma con pochi km (130 km) rispetto alle prime 2 (185 km). 

Lo scarico dei km mi è servito per reinserire una buona dose di qualità facendo un test su un 5000 e uno su i mille metri chiusi rispettivamente in 16:20 e 2:54 (ovviamente da solo e in pista).

 Non è mancata la parte di salita che grazie alla freschezza muscolare ritrovata mi ha permesso di cimentarmi in trail un pò più impegnativi ad ottime andature di fondo. Dove finalmente ho potuto testare al meglio le nuove scarpe bushido 2 in un contesto che le si addicesse completamente.

La parte di forza è in buona ripresa, ma non essendoci gare OCR importanti a breve termine ho deciso di dedicare 4 sedute al nuoto e 3 alla palestra così da poter tenere alta la capacità aerobica e chissà magari partecipare al mio primo swimrun il 2 agosto, ma deciderò in base a come andrà la preparazione.

Short cup 

Con l’arrivo di luglio inizieranno finalmente delle ocr. 

Le prime short a crono che ci daranno possibilità di assaporare un minimo l’attività agonistica anche se ovviamente non si avrà il solito sapore della gara contro l’avversario diretto.

Le gare in programma saranno sparse durante il mese e farò il resoconto delle gare man mano che verranno svolte sperando di poter riportare buoni risultati.

Alimentazione 

L’alimentazione pressoché invariata rispetto alle prime due settimane se non un po di precisione in più sull’integrazione, soprattutto per il mantenimento del tono muscolare che adesso serve non perdere troppo per sostenere i carichi di qualità più intensi. Per questo ruolo aminotool di volchem è stato una scoperta piacevole. 

L’estate purtroppo fa perdere un po la testa con attacchi di fame dovuti alla “gola” molto più frequenti rispetto all’inverno e proprio per questo ho deciso di concedermi anche qualche sgarro in più così da farmi trovare concentrato quando sarà il momento di tirare il fisico al top.

Psicologia 

L’arrivo di queste short finalmente ha riacceso un minimo di motivazione in più. Non fraintendetemi, sono molto motivato in ogni allenamento, ma la voglia di cercare il miglioramento, di vedere sempre secondi in meno  sul cronometro,di fare qualche km in più ogni settimana, fare le rifiniture tra allungamento, esercizi di respirazione, meditazione, tecnica e tutto quello che può girare intorno alla prestazione, purtroppo manca.

Finalmente si rientra in carreggiata e sono sicuro di poter portare sul campo delle ottime prestazioni, in vista delle gare importanti.