Filippo Rinaldi e il suo ritiro sulle Dolomiti

Filippo Rinaldi e il suo ritiro sulle Dolomiti

Il campione italiano 2018 di triathlon cross, Filippo Rinaldi, ci racconta com’è andato il suo ritiro nel cuore delle Dolomiti.

Filippo Rinaldi

06 Luglio 2020

1

Ciao a tutti,

vi racconto brevemente della mia settimana di allenamento in montagna fatta a fine giugno.
Come è ovvio nel periodo tra marzo e maggio inoltrato tutti siamo stati costretti ad allenarci a casa o comunque più o meno negli stessi luoghi per tutto il periodo.
Scontato dire quindi che potersi spostare e allenarsi in posti diversi è stata una boccata d’aria fresca. Lo è stato in tutti i sensi perché dal caldo di Parma sono salito fino a trovare la temperatura perfetta di Canazei.
Siamo partiti in camper insieme ai miei genitori e mio fratello, 4 persone e 7 bici !!!  :)
Già da qualche anno ormai facciamo tappa da quelle parti ed ogni volta la bellezza del paesaggio mi rapisce. Percepisci di essere una formica immersa nella natura, in mezzo a queste montagne imponenti e maestose che ti circondano.

Gli allenamenti

gli ordini del coach erano quelli di gestire un po le sedute in base alle condizioni (senza una tabella rigida quindi).
Alcune piscine della zona erano ancora chiuse e già prima di partire avevamo programmato di nuotare un po meno ed aggiungere qualche km in più in bici.
Il primo ed il terzo giorno abbiamo iniziato la giornata con il giro dei 4 passi in bici, una volta in senso orario ed una in senso antiorario per un totale di 80km con circa 2000m di dislivello positivo.
Il secondo ed il quinto giorno invece mountain bike!
La prima uscita è stata molto adrenalinica, siamo saliti quasi sempre con gli impianti di risalita (funivie, ovovie e seggiovie) e ci siamo divertiti in discesa. Abbiamo percorso il Sellaronda mtb Tour! Bellissimo!
La seconda uscita invece siamo saliti per asfalto sul Passo Pordoi per poi sfruttare le discese tracciate fino a Canazei.
Nel pomeriggio correvo in media 12-13 km a ritmo tranquillo sulla sterrata lungo fiume che va da Canazei a Pozza di Fassa.

In mezzo al “ritiro” siamo andati anche a Predazzo per fare 2 bracciate in piscina in modo da non restare troppo tempo senza entrare in acqua.

Parlando di cibo

Ci siamo trattati bene e anche qui ci siamo tolti qualche soddisfazione :)

A colazione oltre alla vasta gamma di prodotti portati da casa (pane, marmellate, cereali, biscotti, yogurt, … ) mia mamma andava al forno al mattino presto per farci trovare croissant farciti caldi sul tavolo ! Spettacolo!
A pranzo pasta/riso, salume, verdure.
A cena siamo sempre usciti, in questo modo giustamente anche mia mamma si sentiva un po in vacanza non dovendo cucinare.
La maggior parte delle volte abbiamo mangiato pizza, il massimo per noi, mentre una paio di sere abbiamo provato malghe locali.
L’ultima in cui abbiamo mangiato era veramente notevole, Malga Aloch. In mezzo alla natura, struttura in legno, terrazza con vista magnifica sulle cime circostanti e cibo spaziale (canederli, polenta, funghi, formaggio fuso, strudel).

In conclusione, assolutamente da ripetere! Non vedo l’ora!

Alla prossima ragazzi.
FR