ENDUdream:  aspettando il 2021 per la Bike Nonstop US

ENDUdream: aspettando il 2021 per la Bike Nonstop US

Come ben sapete, il Covid 19, ha spezzato il sogno mio e di tanti altri atleti di poter portare a compimento  l’obiettivo che ci eravamo prefissato per il 2020. Tuttavia aver vinto il Concorso ENDUdream2 nella categoria Wild Experience mi ha portato una ventata di nuovi stimoli.

Andrea Toso

02 Luglio 2020

0

Come ben sapete, il Covid 19, ha spezzato il sogno mio e di tanti altri atleti di poter portare a compimento  l’obiettivo che mi ero prefissato per il 2020.

Nel mio caso sarebbe stato attraversare l’America da Portland Oregon a Washington D.C. con una bici gravel su un percorso misto (ghiaia ed asfalto) di 5600 km.

Tuttavia aver vinto il Concorso ENDUdream2 nella categoria Wild Experience mi ha portato una ventata di nuovi stimoli.

Grazie ad ENDU sono venuto in contatto con nuovi Sponsor che mi hanno dato nuovi stimoli :

Sportler  ad esempio, uno dei partner di ENDUDream2,  mi sta assistendo per tutto quel che riguarda l’abbigliamento e l’attrezzatura per la bicicletta, anche solo tramite sito online, fornitissimo quanto i negozi della catena, con un’assistenza diretta sia nella scelta che nella spedizione degli oggetti ordinati davvero all’avanguardia.

La Sportiva mi ha mandato delle comodissime scarpe da Running che mi ho utilizzato molto anche nel periodo del lockdown, nelle uscite serali con il cane ed una giacca impermeabile tecnica eccezionale che utilizzo anche nelle uscite in bici quando la pioggia non perdona.

Per il mio sogni/progetto con ENDUdream2 ammetto che il momento più emozionante  è poi stato raggiunto con la consegna da parte di Cannondale della “mia”  Topstone Carbon gravel, la bici che userò per realizzare il mio sogno, l’avevo già mirata e non vedevo l’ora di testarla, ho dovuto aspettare la fine del lockdown per potermela godere…

Una volta presa confidenza con questo nuovo tipo di bici, ho cominciato a divertirmi tantissimo,  praticamente non uso più quella da strada, la Topstone si rivela un mezzo polivalente, veloce e sicura su ghiaia quanto scattante sull’asfalto.

Sono arrivati nuovi stimoli post lockdown e smaltita la delusione dell’annullamento della Bike Non Stop US ho cominciato a pensare a qualche altra possibile alternativa in Italia e grazie ad Endu l’ho trovata nell’ Italy Divide, un percorso di 1250 km da Pompei a risalire fino a Torbole sul lago di Garda scalando gli Appennini per un totale di 22000 m D+.

La preparazione sta continuando, per fortuna anche durante il periodo del lockdown non mi sono mai fermato pedalando sui rulli più di 1200 km, nonostante il mio lavoro non si sia mai completamente fermato.

Sudando sui rulli, come adesso ritrovata la libertà su strada percorrendo uscite di oltre 250 km, ho sempre imparato a conoscere gli integratori della Volchem, brand italiano che non conoscevo, ma che sto apprezzando la varietà di prodotti che spaziano dalle barrette Promeal, che uso anche come spuntino sul lavoro, ai gel Energen con maltodestrine, alle bustine di  Volamin a base di BCAA . Ottimo anche l’Isodrink da sciogliere nella borraccia dal gusto piacevole e dissetante, fondamentale sia in quarantena che con lo scoppiare di questa estate tardiva.

Scottato dal primo annullamento sto incrociando le dita perché  l’Italy Divide possa aver luogo, la data sarebbe, anzi, sarà il 31 luglio.

Alla mia età e con la mia esperienza la testa difficilmente mi abbandona, la motivazione è forte e voglio solo divertirmi, pedalare e vedere nuovi posti sempre col sorriso.

L’allenamento continua e non è detto che nel frattempo scarti anche l’idea di un tentativo di Everesting (8848 m di dislivello ) da pedalare su e giu’ per la stessa salita entro 24 h nei prossimi giorni, come per altro fece Davide Cappelletti lo scorso anno, sarebbe un bell’allenamento per le scalate agli Appennini.

Restate sintonizzati

Giampiero Monti