Di corse estive… Giro da Paura!

Di corse estive… Giro da Paura!

Sabato 4 Luglio appuntamento al Parco dell’Idroscalo di Milano per un’altra corsa estiva, il Giro da Paura! Corsa podistica non […]

Matte in fuga

13 Luglio 2015

1

Sabato 4 Luglio appuntamento al Parco dell’Idroscalo di Milano per un’altra corsa estiva, il Giro da Paura!
Corsa podistica non competitiva di 6,2 km organizzata dall’Atletica da Paura lungo l’anello che circonda il “mare” dei milanesi.

C’è aria di festa, tutti sorridono, si cercano, sembra essere l’occasione perfetta per salutarsi prima delle vacanze!

Il caldo è il protagonista della gara, non so quanti gradi ci siano esattamente ma io ne percepisco almeno una quarantina.

Prima di arrivare medito di correre questa “gara” come un allenamento, senza strafare, in previsione di una imminente mezza maratona, poi come al solito l’adrenalina inizia a scorrere nelle gambe, nelle braccia e una sorta di euforia mi attraversa la schiena.

Ma chi di solito sale sul podio proverà le mie stesse sensazioni?

Durante il riscaldamento e qualche allungo con un amico parliamo di tempi e lui mi dice che potrei fare di più, che data l’età ho “ancora” ampi spazi di miglioramento. Io lo spero però per stargli dietro nel riscaldamento brucio già metà delle mie energie!!

Raggiungo la linea di partenza in attesa del colpo di revolver. Non sento alcuno sparo ma si parte!

Il primo tratto è affollato tuttavia riesco a correre ad una buona velocità. Evidentemente questa volta mi son posizionata correttamente in partenza. Non intralcio e nessuno mi rallenta, i runner al mio fianco procedono paralleli senza tentativi di dribbling.

Non ricordo dove ho letto che in estate il tempo al chilometro può aumentare anche di 20 secondi. Se così fosse, dato che sto viaggiando solo 5 secondi sopra al mio miglior tempo medio sui 10km vuol dire che in inverno potrei migliorare il mio PB di almeno 15 secondi al km!!
In realtà sto cercando di concentrarmi profondamente sui calcoli per non pensare al caldo, mentre le gambe girano alla maggior velocità possibile.

Questi 6 km sembrano infiniti, ma anche questa volta non mollo e raggiungo il traguardo.

Spengo il GPS compiaciuta, mi son proprio divertita!

18839869443_aa9a701446_o