Davide vs Triathlon parte 2

Davide vs Triathlon parte 2

A che punto è Davide nella sua preparazione verso il Triathlon della Costa Smeralda?
Abbiamo fatto due chiacchiere con uno dei vincitori di ENDUdream del 2019 che sta provando a guadagnarsi il titolo di triatleta.

Andrea Toso

26 Febbraio 2020

0

Una grande emozione partire dalla prima gabbia” il primo commento di Davide Cappelletti che ha partecipato alla Granfondo Laigueglia, “ho fatto i primi km in piano a una velocità folle, poi ho preso un tombino e ciao…forato una volta, cambiato camera d’aria in 6 minuti netti, forse troppo velocemente, poi si è spostata e ho dovuto ri fermarmi a gonfiarla…”

A parte il racconto della Granfondo di Davide che pubblicheremo a giorni, il motivo per cui ci siamo sentiti con lui è per capire a che punto sia con la sua sfida al triathlon(se te lo sei perso leggi il primo articolo), tempus fugit ed il 31 maggio si sta avvicinando, il triathlon di in Costa Smeralda meta di un viaggio che può diventare piacere o incubo.

Il nuoto è un bel problema, sto nuotando ma consumo tantissimo, ho anche consultato un istruttore che mi ha guardato sconsolato dicendomi che c’è tantissimo da lavorare, i miei difetti sono talmente enormi che non verranno mai risolti del tutto” .

Ti capiamo Davide, il nuoto per chi arriva dagli sport di terra rimane sempre uno scoglio (mai termine fu più adatto …) per chi si vuole trasformare in triathleta, le gambe sembrano sempre troppo pesanti, la testa a rischio di annegamento per quanto bassa si provi a tenere non lo sarà mai abbastanza, per il Nuoto non lo è mai abbastanza. L’acquaticità è un concetto complicato da far sentire al corpo.

la mia gara sarà in acqua, appena uscirò salirò in bici ed entrerò nella mia zona di comfort ed anche a piedi mi difendo bene, ma il nuoto… Inizio a giorni ad allenarmi con Simone Diamantini, il coach con cui ENDU mi ha messo in contatto, avrei preferito mettermi nelle sue mani con la consapevolezza di saper nuotare, ma il tempo stringe e dobbiamo arrivare il prima possibile alla decenza, vorrà dire che lo metterò in contatto con il mio istruttore e lavoreranno insieme sul mio stile basico.”

Tra i prossimi appuntamenti di Davide Cappelletti ci sarà anche la partecipazione alla Digital Run, come da sua abitudine ha già preparato la sua crew che lo accompagnerà, almeno una ventina di amici che correrà nel suo esordio annuale nel mondo del running.

Il bello arriverà con il Triathlon della Costa Smeralda, la prima distanza Olimpica, vedremo prossimamente se valuterà di testarsi su uno sprint qualche settimana prima. Il vero esordio nel mondo del running fu invece come staffettista alla maratona di Milano, in cui corse i 10 km con ritmo 4’40”.

Occhio Davide! Dopo la bici c’è un altro sport, coach Diamantini te lo farà capire …