Corsa salvavita e salva lavoro

Corsa salvavita e salva lavoro

Corro per salvare la vita, la mia, quella degli altri e quella dei progetti a cui lavoro. Succede anche a te?

Riccardo Mares

26 Marzo 2019

3

Qualche settimana fa scrissi un post dal titolo “Perché corri” in cui raccolsi un po’ di testimonianze di amici sui motivi che ci spingono a correre. Alcuni giorni fa il mio amico Marco “Red” Scanziani ha condiviso in un gruppo “segreto” (non vedevo l’ora di scrivere una cosa simile) un video che parla di corsa e di lavoro. Il corto lowcost di 90 secondi è stato realizzato dal regista Eric Van Wyke per ASICS ed è stato intitolato “Break Free”. Sono molto interessanti i dettagli legati all’idea del video e alla sua realizzazione: se vuoi approfondire puoi andare sul sito shots.net, io oggi voglio solo sottolineare alcuni passaggi anche se sono certo è un di più. Lo faccio però dopo il filmato:

Asics, “Break Free” from Eric Van Wyke on Vimeo.

Su le mani a chi ha un lavoro fatto di riunioni, di decisioni, di ore davanti al PC, insomma un lavoro mentalmente stressante, uno di quei lavori (come la maggiorparte) che al suono della campanella non è tutto finito, ma ti porti i pensieri a casa.

Ecco, il video ne è un perfetto ritratto, in meno di due minuti raffigura la situazione portata all’esasperazione, che sfocia in una corsa full-pelt con tanto di urlo liberatorio.

Tu quando corri? Per molti correre alla sera è un momento di liberazione: l’accumulo di sostanze nocive durante il giorno e la loro espletazione con la fatica e la concentrazione per la corsa o qualsiasi altro sport.

Io solitamente – ma se mi leggi ormai lo sai – corro al mattino ma la situazione è solo invertita: è il mio momento di sveglia con della ginnastica dolce, il mio momento di riflessione durante la fase di riscaldamento e durante la fase di scarico, il mio momento di “vuoto” quando ho un obiettivo da raggiungere e tutte le energie mentali cerco di coinvolgerle nell’atto della corsa, alla ricerca di un movimento migliore.

Ultimamente riesco a ricavarmi un’oretta anche al venerdì pomeriggio e di solito mi fermo tornando a casa nei meravigliosi Colli Euganei: non è raro che viva momenti un po’ ascetici in cui perdo per un attimo il senso del tempo e dello spazio e mi trovo semplicemente a correre, con la testa vuota dai pensieri: che spettacolo!

Non voglio aggiungere altro, ma non vedo l’ora di leggere le tue impressioni sul video! Spero che questo video possa diventare un messaggio per chi ancora non ha provato questa “soluzione” ;)