Correre la mattina presto e prima di colazione: perché e come 

Correre la mattina presto e prima di colazione: perché e come 

Correre la mattina presto e prima di colazione è assolutamente il momento migliore sotto tanti aspetti: vediamo perché e come 

Beatrice Barbieri

17 Luglio 2019

21

Da anni, 3/4 volte a settimana, adoro correre la mattina alle 5.00 (spesso anche prima) senza mangiare o bere assolutamente nulla.

Ho piano piano convinto le ragazze che alleno, a fare lo stesso e ora non ne possono più fare a meno. Alcune mi dicono:

“Perché non ci avevo mai pensato?”

Oppure

“ma come facevo prima?”

È il momento migliore sotto tanti aspetti e so molto bene che correre la mattina presto appena alzati, è psicologicamente duro, dobbiamo superare vari ostacoli:

Aprire gli occhi 

Alzarsi dal letto comodo 

Vestirsi

Uscire

Tutto ciò senza fare colazioneeee?

Sì Ragazze, senza far colazione. Sappiate che fare colazione prima di correre la mattina è pura consolazione al fatto che “devo uscire a correre, almeno…”

Ma così:

  1. Non ci godiamo la corsa perché abbiamo il cibo che sballonzola in pancia e non ci fa respirare bene.  In più potrebbe venire la nausea col cibo nello stomaco.
  2. Torniamo e come “premio” o meglio celebrazione del nostro buon operato, ci restano una doccia e il lavoro.
  3. L’organismo è impegnato nella digestione e la performance ne risentirà perché le energie sono maggiormente convogliate verso l’apparato digerente non neuromuscolare. La digestione richiede un grande afflusso di sangue verso lo stomaco e molte energie saranno spese in quella direzione. Ricordate che per correre i muscoli hanno bisogno di essere abbondantemente irrorati da sangue per avere ossigeno (la loro pappa/carburante) e poter rendere.
  4. Se corriamo “per dimagrire” non raggiungeremo il nostro obiettivo perché il corpo non userà il grasso di deposito ma ciò che gli abbiamo appena dato, forse. Se non il poco glicogeno che abbiamo e che servirebbe a darci energia per affrontare la giornata. Mi spiego meglio? Durante una corsa a stomaco vuoto il corpo utilizza come carburante gli zuccheri (glicogeno) accumulati nel fegato e nei muscoli quindi se abbiamo un’alimentazione corretta non finiremo MAI a corto di energie. ATTENZIONE! Il corpo però inizierà a consumare i grassi solo se l’allenamento è prolungato e d’altra parte se è troppo lungo e intenso per noi, ricorrerà ad utilizzare le proteine dei muscoli cosa molto negativa perché il nostro obiettivo è conservarli e aumentarli!Ma a quel punto ce ne accorgeremo perché non sentiremo più le gambe e inizierà a girare la testa.  Ma solo se nei giorni precedenti ci siamo alimentate poco o male o se corriamo troppo a lungo!

Correre a stomaco vuoto non fa perdere più grasso intendiamoci.

Non dobbiamo assolutamente avere paura dello stomaco vuoto perché, credetemi, siamo sempre ben tutelati e riforniti!

Tutto sta nel trovare il giusto equilibrio e conoscerci.

Ho notato miglioramenti di performance, fisici ed estetici sia in me che nelle mie ragazze : il corpo ha iniziato ad adattarsi e scegliere intelligentemente le risorse da utilizzare durante i running (8-12km a stomaco vuoto sconsiglio di oltrepassare i 15 per quanto detto sopra).

L’organismo sa perfettamente che appena finito la corsa avrà i suoi giusti rifornimenti e ha imparato ad utilizzare solo zuccheri depositati durante la notte e acidi grassi.

Tutte le cellule che ci compongono lavorano per sopravvivere e per far vivere e funzionare bene il nostro corpo.

Se noi ci vogliamo bene, ci nutriamo in modo corretto, facciamo sport che aiuta moltissimo a migliorare le funzioni cellulari e a tenerci sani e in forma, di conseguenza il nostro corpo lavorerà meglio con ciò che ha a disposizione.

Il corpo impara ad ottimizzare. 

Sempre però se tutto ciò che facciamo e mangiamo è equilibrato.

Ultimi dettagli: prima di uscire a correre la mattina bevo sempre un piccolo sorso di acqua e STOP 🛑. Ma se volete stare più tranquille, portatevi dietro 3/4 chicchi di uva passa, in caso di calo di zuccheri aiuteranno all’istante, ma non ne avrete bisogno. 

Finita la corsa fare un’abbondante colazione!

Mi raccomando: se siete alle prime armi, iniziate con pochi km e ascoltate le reazioni e come state e osservate il vostro corpo.

Conoscersi è indispensabile per ottenere buoni risultati.

Si ma come faccio a scendere dal letto per andare a correre la mattina?

  1. Metti la sveglia lontana 
  2. Prepara vicino alla sveglia i vestiti per correre 
  3. Aggiungi un biglietto scritto da te con  scritto il motivo che ti ha spinto a dire”Domani corro”
  4. Esci. Al terzo passo ti ringrazierai. Al ritorno ti sentirai un supereroe

NB: la fascia oraria 4-6 è la più fresca in estate ma anche la più tiepida in inverno. Dalle 6, quando cala l’umidità protettrice della notte, arriva il gelo o il caldazzo!

Verificate se non credete!