Allenamento al femminile: 7 preziosi consigli

Allenamento al femminile: 7 preziosi consigli

Siete sicuri di sapere tutto sull’allenamento?

ENDU

13 Maggio 2019

0

Quando si parla di allenamento al femminile, si parte da un concetto apparentemente elementare ossia che gli uomini e le donne sono diversi, ma spesso bisognerebbe dare ascolto a quest’ultime, specialmente quando sono atlete di successo.

Sono donne che hanno fatto della fatica, della grazia, della forza e anche del divertimento la loro vita, trovando la combinazione perfetta per non stancarsi dello sport che amano. 7 consigli da 7 atlete…

Allenamento al femminile: trova la tua strada.

Angel Collinson 26 anni, è una sciatrice che ama sfidare le montagne più maestose. Come professionista ha sempre seguito i consigli di un allenatore e si è affidata anche a uno psicologo dello sport, tuttavia questo non le è servito perché, oltre a perdere un anno di college per allenarsi, all’età di 18 anni ha anche perso una grande occasione, quella di entrare nel Team ufficiale americano di sci (U.S. Ski Team): “L’ho interpretato come un segno – spiega – così ho deciso di cambiare il mio approccio alla disciplina sia da un punto di vista dell’alimentazione sia dell’allenamento. Ho iniziato una dieta vegetariana e ad allenarmi anche con la mountain bike. Ho cercato di evitare gli errori del passato non pensando più allo sport e all’allenamento come a un lavoro, bensì come un piacere: “Questa è stata la vera svolta – conferma l’atleta – ottengo risultati migliori quando mi diverto!”

Allenamento al femminile photo: Anton Watman
photo: Anton Watman

Allenamento al femminile: pensa a lungo termine

Emelie Forsberg, 29 anni, ultra runner e sci alpinismo. Gli uomini e le donne raggiungono la loro forma fisica migliore verso la fine dei vent’anni, ma questa atleta desidera correre fino a 80 anni, per questo motivo se ha in programma un allenamento, ma non si sente di farlo, preferisce dedicarsi ad altro, rimandando a un momento migliore: “Ho una mente ‘professionale’ quando si tratta di allenamento, ma non dimentico mai la felicità. Anche se questa atleta ha vinto una medaglia d’oro agli Skyrunner World Series e il Campionato mondiale di ultrarunning non dimentica mai una cosa fondamentale: la passione è più importante della competizione: “Non voglio mai perdere la gioia che provo quando corro”, commenta.

Allenamento al femminile: non adagiarti sugli allori: cerca sempre nuove motivazioni.

Amelia Boone, 32 anni, è specializzata nelle corse ad ostacoli e nell’ultrarunning. Questa atleta ha vinto tutto quello che si potrebbe vincere nei circuiti ad ostacoli compresi la durissima World’s Toughest Mudder e il Campionato mondiale di Spartan Race. Questo è uno dei motivi per i quali, da qualche tempo, Amelia è tornata alle ultra marathon: “Dovevo trovare una nuova sfida per non perdere la motivazione”, spiega.

Allenamento al femminile: pratica anche altre attività.

È la ricetta della 43enne Hilaree O’Neill, sciatrice e alpinista: “l’alpinismo – spiega – è imprevedibile e coinvolge ogni aspetto mentale e fisico”. Questa grande atleta ha scalato sia l’Everest sia il Lhotse entro le 24 ore ed è stata pioniera di dozzine di discese sugli sci da montagne di tutto il mondo, per questo il suo allenamento non può essere troppo rigido. La O’Neill spazia infatti dalla mountain bike nelle montagne del Colorado, al trail running, dallo sci alpino fino alla pratica lo yoga. Per imparare ad adattarsi alle montagne, cerca di sperimentare sempre cose nuove, come il triathlon o le ultra marathon: “lo trovo più divertente e intrigante, inoltre penso sia il modo migliore per un fitness davvero completo”.

Allenamento al femminile - Photo: bbernard
Photo: bbernard

Allenamento al femminile: sii zelante

Ashima Shiraishi  ha solo 15 anni, ma è tra le scalatrici più giovani e brave al mondo. Il segreto del suo successo, nonostante la sua giovane età, sta nel non ammazzarsi di allenamenti come fanno molti altri atleti che praticano il suo stesso sport. L’unica cosa che fa Ashima è scalare, scalare molto. Negli ultimi nove anni (e quindi era proprio una bambina, ndr) ha passato quattro ore al giorno nell’affinare la sua tecnica: “Non puoi stufarti di arrampicarti anche se ami farlo – sostiene – immagino sia come il matrimonio, a volte può essere duro, ma non puoi farne a meno perché sei innamorato”. E se lo dice una quindicenne…

Allenamento al femminile: riprendi fiato.

La surfista 24enne Carissa Moore pensa che un allenamento troppo duro sia controproducente per il proprio corpo, questo lo ha capito dopo aver passato nove mesi di fila tra un evento internazionale e l’altro, ecco perché Carissa ha deciso di fermarsi a “riprendere fiato”. “Quando cerco di allenarmi troppo e troppo velocemente – spiega la surfista – mi viene la nausea, per questo mi prendo delle pause, riposo e faccio yoga, questo mi permette anche di evitare infortuni. Le pause mentali sono fondamentali per tornare sulla tavola più forte e tenace di prima”.

Allenamento al femminile - Photo: Andrea Obzerova / Shutterstock.com
Photo: Andrea Obzerova / Shutterstock.com

Allenamento al femminile: sii paziente

Rebecca Rusch ha ben 48 anni eppure è ancora una bravissima e fortissima mountain biker. La sua esperienza come allenatrice di mountain bike le ha anche permesso di capire come le donne siano più “cerebrali” degli uomini anche nello sport e in allenamento. “Vogliamo imparare a fare le cose ancora prima di essere pronte fisicamente” – spiega. Secondo Rebecca, invece, bisogna essere pazienti, acquisire la forma ideale per avere anche più confidenza con lo sport che si sta praticando. Rebecca ha vinto numerosi titoli a livello mondiale, ma ha iniziato mountain bike a 38 anni: non è mai troppo tardi per iniziare un nuovo sport !

 

Fonte: outsideonline.com
Would you like to read this article in its original language? Click here: http://www.outsideonline.com/2114561/train-girl?utm_source=fitness&utm_medium=newsletter&utm_campaign=03302015&spMailingID=26643622&spUserID=MzY3NzU4MTU1Nzk4S0&spJobID=884727446&spReportId=ODg0NzI3NDQ2S0
Photo credits immagine apertura: Eduard Moldoveanu / Shutterstock.com