Alex Tucci: Mentre corro sogno ad occhi aperti e con le gambe che girano

Alex Tucci: Mentre corro sogno ad occhi aperti e con le gambe che girano

Il mio sogno più grande è quello di indossare la maglia azzurra

Matteo Simone

30 Settembre 2020

0

Lo sport non è solo fatica ma tanto altro, si sperimenta libertà ed evasione soprattutto con la pratica di sport di montagna dove si è a contatto con la natura e tutto ciò che comporta dai colori ai suoni, viste mozzafiato, sensazioni incredibili e straordinarie che fanno apprezzare appieno la vita. Di seguito Alex, dell’ASD Gruppo Podistico Il Crampo, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita?

Sì, mi capita spesso, negli allenamenti, quando mentre corro sogno ad occhi aperti e con le gambe che girano. Mi assento nei miei pensieri immaginando trionfi e grandi emozioni. Sono momenti davvero speciali. Se dovessi fare riferimento ad un unico evento, mi verrebbe da dire quando ho corso la mia prima Ultra Trail nel 2016 al Trail Sacred Forest 80km 4500 mt D+. Arrivai sorprendentemente 2° assoluto e quel giorno, è stato per me davvero speciale”.

Quella gara è stata vinta da Carlo Salvetti che ha preceduto Alex Tucci e Claudio Lotti. Il 2016 è un anno da ricordare per Alex anche per i suoi Personal Best a Roma sulla mezza maratona 1h14’26 e maratona 2h40’01.

Qual è stato il tuo percorso nella pratica sportiva?

Come la maggior parte di noi runners amatori, ci si avvicina a questo sport dopo averne provati altri. La corsa è vista da tutti come uno sport duro. Prima di iniziare a correre, ho giocato a calcio per 12 anni. È stato uno sport che ho avuto la fortuna di praticare ad un buon livello e in settori giovanili dove sono stato seguito sempre da grandi tecnici che prima della pratica del calcio stesso, mi hanno dato tanta disciplina”.

Tanti runner provengono dal calcio e si dimostrano bravi atleti continuando a praticare uno sport con più introspezione, senza una squadra a cui dar conto, senza essere scelti come titolari o riserve ma diventando manager di sé stessi, scegliendo loro allenamenti o gare per poter continuare ad alimentare una loro motivazione intrinseca che dura molto di più nel tempo senza giudizi e senza pressioni.

Nello sport quali fattori contribuiscono al tuo benessere e alle tue prestazioni?

Dico sempre che lo sport, specialmente lo sport di endurance è per me composto da 20% di forma fisica, 30% dalla giusta alimentazione e il 50% dalla mente che va comunque molto allenata”.

Concordo, a questa conclusione sono arrivati anche tanti allenatori che all’inizio si rifiutavano di allenare loro atleti per distanze superiori alle maratone perché è un po’ più complicato, bisogna mettere da parte un po’ di razionalità e un po’ di tabelle e lavorare sugli aspetti mentali che hanno a che fare con la motivazione, fiducia in sé, resilienza, pazienza.

C’è qualcuno che tiene al tuo benessere e alle tue prestazioni nello sport?

Non ho nessuno a cui faccio riferimento. Cerco di prendere spunti e filtrare le informazioni date dalle esperienze di persone che ne hanno più di me. Poi ho comunque un tecnico (e grande motivatore) che mi segue nei miei allenamenti. Il grande Enrico Vedilei. Avere un tecnico penso sia molto importante perché ti aiuta ad imboccare le giuste strade per arrivare prima al tuo obiettivo”.

L’esperienza conta tanto soprattutto nello sport di ultratrail dove sono tanti gli aspetti da curare oltre all’allenamento fisico e mentale c’è anche un adeguato abbigliamento tecnico e integrazione per poter permettersi di durare a lungo, anche giornate intere facendo sport. Enrico ha una lunghissima carriera sia da atleta che da coordinatore della Nazionale Ultratrail, ho avuto modo di incontrarlo in gara quando vinceva la maratona di San Marino negli anni 2001 circa e poi in occasione del raduno premondiale ultratrail proprio a Badia Prataglia nel 2015 dove Alex è arrivato 2° al Trail Sacred Forest.

Sono molto fortunato su quest’aspetto perché ho amici che mi stimano tanto per quello che faccio e i miei familiari, sono altrettanto entusiasti in ogni pazza idea che mi faccio venire in mente. Poi avendo anche mio padre ultra trail runner, allora posso ritenermi proprio privilegiato”.

In effetti è un gran privilegio far parte della grande famiglia degli ultratrail, un mondo considerato bizzarro, forse estremo, ma tanto sorprendente e affascinante.

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva?

Proprio a poche ore prima della mia prima ultra trail, nella mia ignoranza e paura di avere delle crisi, ho preparato circa 15 panini con prosciutto e formaggio oltre a barrette e frutta a volontà da consumare durante la gara. Avendo mio padre a farmi assistenza non mi sono preoccupato delle quantità. Al traguardo mi sono accorto di non averne toccato neanche uno di tutti quei panini. Ogni tanto ci ripenso e rido da solo”.

Grande testimonianza, meglio essere previdenti soprattutto alle prime esperienze, poi ci si accorge che si viene presi nel flow della gara, soprattutto se si è in giornata dove tutto fila liscio, tutto è fluido, come stare in trance, attraversando boschi e foreste con accortezza ma sicurezza di riuscire fino al traguardo sano e salvo senza perdersi tra i pensieri e nemmeno tra i sentieri alternativi.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare lo sport?

Ho scoperto di essere molto determinato. Ho capito che quando voglio e sogno una cosa, in un modo o nell’altro riesco ad ottenerla. Questa è una cosa molto bella e gratificante, ma se in quello che faccio non ci credo al 100% ma ho già qualche semplice dubbio, allora diventa tutto più complesso se non impossibile”.

In effetti, per raggiungere obiettivi ardui e sfidanti, per tramutare sogni in realtà, bisogna avere una passione altissima, una forte motivazione, e tanta fiducia in se stessi di potercela fare e poi basta seguire percorsi di allenamento che fanno giungere fino al traguardo per apprezzare quello che si è riusciti a fare soprattutto la tanta fatica che alla fine si rivela amica, perché grazie a essa si ottiene tutto, basta accoglierla, assecondarla e farsela amica.

Quali capacità, caratteristiche, qualità ti aiutano nel tuo sport?

Penso che la qualità che mi aiuti di più sia proprio la determinazione. Poi ovviamente ognuno di noi ha delle diverse caratteristiche particolari che lo aiutano ad essere migliore in specialità diverse, basta capirle e vedere se combaciano con quello che ci piace veramente fare”.

Volere, volere, volere, fare, fare, fare; provare, provare, provare, insistere, insister, insistere, crederci, crederci, crederci, rialzarsi, rialzarsi, rialzarsi. Queste sono alcune chiavi del successo e sembra che Alex abbia dalla sua parte una grande consapevolezza e una elevatissima determinazione che lo spingono a impegnarsi per raggiungere i suoi obiettivi molto ardui ma tantissimo soddisfacenti per lui stesso e per chi gli è vicino.

Che significato ha per te praticare il tuo sport?

Per me praticare il mio sport è praticamente diventato una delle cose più importanti della mia vita. Ho capito che oltre a farmi emozionare e sognare, lo sport è il mio miglior insegnante di vita. Lo sport ci insegna tante cose che se applichiamo al lavoro, famiglia e amici, ci aiuta a vivere meglio”.

Lo sport è un veicolo di apprendimento graduale di come affrontare la vita giorno per giorno con le sue problematiche ma anche di come goderne dei lati positivi, quindi vivere appieno attraverso lo sport che permette di sperimentare sensazioni ed emozioni forti e intense raggiungendo obiettivi e mete sfidanti e sorprendenti, un grande orto da continuare a coltivare.

Quali sono le sensazioni che sperimenti nello sport?

Essendo un ultra trail runner, le sensazioni che sperimento maggiormente sono quelle legate alla fatica, come combatterla e come superarla. Praticamente mi alleno a sperimentare le famose ‘crisi’ che possono durare diversi minuti o diverse ore.  La mente lì è tutto”.

È un allenamento alla fatica, alla crisi, un adattamento graduale alle situazioni difficili che rende sempre più fiduciosi in sé stessi, consapevoli e resilienti.

A cosa devi fare attenzione nella pratica del tuo sport? Quali sono le difficoltà, i rischi?

Le difficoltà maggiori nella pratica del mio sport insieme ai rischi sono gli infortuni. Essere un ultra trail runner comporta aver a che fare con l’usura del corpo. Bisogna quindi allenarsi in modo giusto e se possibile alternando anche discipline diverse”.

Quali condizioni fisiche o ambientali ti ostacolano nella pratica del tuo sport?

Correre in ambienti naturali, richiede maggior concentrazione, soprattutto nelle ore notturne. Non è semplice riuscire a tenere alta la concentrazione per ore e a volte giorni. Purtroppo si corrono spesso diversi rischi ed è capitato che a qualcuno gli è costata la vita”.

La pratica di sport di endurance non significa che bisogna spegnersi o consumarsi facendo sport ma far sì che si possa sperimentare anche sollievo e riposo da periodi meno impegnativi dove bisogna coccolarsi e aver cura di sé stessi, soprattutto delle parti più soggette a traumi come gli arti inferiori, schiena, articolazioni.

Cosa ti fa continuare a fare attività fisica, hai rischiato di mollare di fare sport?

Sicuramente la voglia di spingersi oltre e di voler provare sempre nuove sfide ed emozioni. Inoltre dico sempre che le corse sono ‘viaggi’ e io non voglio smettere di farlo. Il rischio di dover mollare appartiene a tutti e ce l’abbiamo in ogni momento. Io non do mai per scontato quello che riesco a fare quotidianamente e ringrazio di essere così privilegiato”.

È importante sempre focalizzarsi nel momento presente, cavalcando il bisogno e l’esigenza presente che porta a sperimentare benessere e successo attraverso lunghi viaggi di fatica per mari e monti, pianure e colline, salite e discese, sentieri e asfalti e quando c’è un periodo avverso come stiamo vivendo questo della pandemia accettarlo, farsene una ragione e rimodulare piani e obiettivi con pazienza e fiducia.

Quale può essere un messaggio rivolto ai tuoi ragazzi?

Spesso mi invitano nelle scuole per parlare di endurance e sogni. Il messaggio che cerco di lasciare ai ragazzi è sempre quello che non esiste l’impossibile, nella vita e nello sport. Se pensiamo di avere delle difficoltà davanti a noi, basta cambiare la prospettiva delle cose, guardarle in modo diverso, rimboccarsi le maniche e andare decisi a realizzare quello che desideriamo”.

Questo è un ottimo messaggio che serve anche in questo periodo di pandemia dove ognuno di noi deve davvero rimboccarsi le maniche e diventare un collaboratore responsabile per la risoluzione di questo grande problema comunitario.

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport? Per quali aspetti e fasi?

La figura dello psicologo, io non lo ritengo utile solo nello sport, ma in tutto. Lo psicologo è proprio colui che ti invita e insegna a dover guardare le cose da prospettive diverse. Penso che nello sport non esista una fase dove è più o meno importante. Penso che la sua importanza sia sempre valida e di grande aiuto”.

In effetti, lo psicologo serve anche a dare un indirizzo soprattutto nei periodi di crisi come un infortunio, sconfitta, mancanza di motivazione, o anche in un periodo di pandemia come questo che stiamo vivendo.

Sei consapevole delle tue possibilità, capacità, limiti?

No. Sinceramente i miei limiti non li conosco, mi piace mettere sempre tutto in gioco e vedere fin dove posso arrivare. Forse dei veri e propri limiti non esistono o forse sì, ma io non lo so e sono felice di pensarla così”.

Quanto ti senti sicuro, quanto credi in te stesso?

Io in realtà pur sembrando la persona più determinata al mondo, spesso metto tutto in dubbio. Ho questa debolezza che mi porta di rado a fare dei passi indietro. Poi torno a farmi coraggio e a credere nelle cose e quindi in me stesso. Torno a pensare al fatto che se voglio davvero, allora posso provarci dando tutto me stesso per arrivare agli obiettivi prefissati. Quando capita di fallire, devo essere consapevole che non potevo dare più”.

A volte non bisogna essere troppo calcolatori e razionali, a volte bisogna dare più spazio al cervello destro che è più creativo, immaginativo e meno limitante e dar spazio ai propri sogni, crederci un po’ di più.

Quale tua esperienza ti dà la convinzione che ce la puoi fare?

Ne ho diverse, ma racconto una delle ultime. Lo scorso giugno alle Lavaredo Ultra Trail 120 km e 5600D+ mi sentivo benissimo, avanzavo km dopo km con ottime sensazioni. Al 50°km mentre albeggiava ero proprio ai piedi delle famose Tre Cime. Dopo il ristoro, sono ripartito e le gambe non andavano più. Completamente stanco, bloccato, rallentato. Ero in crisi totale e piano piano sono andato avanti aspettando che questa crisi finisse. Non è mai andata via. Ho fatto gli ultimi 70 km faticando tantissimo, ma sono arrivato senza ritirarmi perché nella mia mente ho sempre pensato (e sperato) che quella crisi stava per finire. Lì ho capito che se uno vuole e pensa positivo, ce la può fare”.

Questo messaggio torna utile in questo periodo lunghissimo di crisi e sofferenza per tutti, questa grave pandemia che arresta i nostri desideri e sogni ma che bisogna continuare a vivere e sopravvivere andando avanti giorno per giorno finché ne usciremo da questo tunnel, dai che manca poco.

Quali sono le sensazioni relative a precedenti esperienze di successo?

Leggerezza, felicità, soddisfazione. Il sapore del successo, dura poco, ma quando arriva devi gustarti tutto a pieno perché non appena torni alla normalità e con i piedi per terra, devi ripartire per fare altro. Soffermarsi troppo su cose fatte e che ci hanno portato al successo aiutano a stare concentrati su quello che stai facendo oggi, per nuovi successi”.

Vero, questa è una cosa che suggeriamo anche noi psicologi dello sport, il successo fa metabolizzato, va custodito nel cuore e nella mente, va tirato fuori insieme alle intense sensazioni correlate nei momenti più bui quando siamo tentati a non crederci e abbiamo bisogno di ritrovare entusiasmo.

Hai un modello di riferimento, ti ispiri a qualcuno?

Ho pochi miti e tantissimi modelli. Uno dei miei modelli ad esempio è Andrea Macchi. Lui è per me un modello perché il giorno fa un umile e faticoso lavoro, la sera torna a casa dai suoi figli piccoli, ma fra le mille difficoltà riesce a concretizzare il poco tempo libero per allenarsi e ad essere determinato nelle sue uscite, tanto che oltre ad essere atleta della nazionale, ha vinto alcune delle gare ultra trail più importanti al mondo. Inoltre Andrea e uno dei più grandi insegnanti di umiltà”.

Questo è il privilegiato mondo degli atleti di ultra trail che sembrano rispettarsi a vicenda mettendo da parte ogni tensione e aggressività. Ho avuto modo di approfondire in diverse occasioni la conoscenza di Andrea attraverso risposte ad alcune mie domande.

C’è una parola o una frase detta da qualcuno che ti aiuta a crederci ed impegnarti?

Ho diverse frasi che mi ripeto nella mia mente come dei mantra e che mi aiutano davvero. Ultimamente mi capita di ripetermi continuamente queste due frasi: ‘L’ovvio di oggi è sempre stato l’impossibile di ieri’ (Giancarlo Orsini) e ‘Solo i pesci morti seguono la corrente’ (Gianluca Gotto)”.

Molto significative queste due frasi che evidenziano la capacità di crederci in quello che si fa senza muri mentali e mobilitando le energie occorrenti per raggiungere mete e sogni.

Come hai superato eventuali crisi, infortuni, sconfitte, difficoltà?

Con tanta pazienza, senza voler bruciare le tappe e con una grande forza di volontà nel voler rimettermi sempre in gioco cercando di tornare a fare quello che mi piace fare”.

Prossimi obiettivi? Sogni realizzati e da realizzare?

Lo scorso anno, grazie ad un progetto personale chiamato Mare Amaro, ho realizzato il sogno di collegare in Abruzzo, la mia regione, mare-montagna-mare di corsa e in un giorno (120km 3000D+). Il mio sogno più grande oltre a quello di correre l’UTMB e il Tor Des Geants, è quello di indossare la maglia azzurra. Se bisogna sognare, allora tanto vale farlo in grande. Grazie mille per l’occasione e la possibilità che mi hai dato di raccontare un po’ di me”.

Molto bello ed entusiasmante il progetto di Alex “Mare Amaro – l’Abruzzo in un giorno”. https://youtu.be/-g91EhaeWS4

 

Dott. Matteo SIMONE