5 Benefici dell’allenamento con il boccaglio da nuoto (snorkel)

5 Benefici dell’allenamento con il boccaglio da nuoto (snorkel)

Lo snorkel è (o dovrebbe essere) parte integrante della “borsa degli attrezzi” di ogni nuotatore. Ecco alcuni motivi per cui dovresti usarlo.

ENDUswim

25 Gennaio 2019

0

Se non hai mai usato un boccaglio da nuoto prima, servirà un po’ di pratica prima di abituarsi a alla sua presenza molesta. Dopo qualche rozzo tentativo, non appena ti sentirai a tuo agio, capirai subito i benefici che potrà portarti l’utilizzo di questo strumento.

Usare un boccaglio da nuoto ti aiuterà a:

1. Bilanciare il tuo colpo.

Il più grande vantaggio nell’utilizzare un boccaglio da nuoto è quello di evitare di respirare sul lato dominante, quindi ti permetterà nuotare in modo più equilibrato, concentrandoti sulla bracciata.

È uno strumento valido sia per i velocisti che per nuotatori di media/lunga distanza. I primi possono concentrarsi sulla velocità di rotazione, andando alla ricerca di un movimento fluido e rotondo, gli altri potranno bilanciare il carico di lavoro su entrambi i lati del corpo, evitando di sovraccaricare una delle due spalle. Ricordiamoci che gli squilibri muscolari sono la causa principale della spalla del nuotatore.

2. Ti incoraggia a tenere la testa bassa e lo sguardo rivolto verso il fondo

Questo è un aspetto che avevamo già visto qualche tempo fa quando abbiamo parlato di metodi per nuotare più velocemente. È sì un errore commesso principalmente dai principianti che alzano troppo la tesata per respirare, ma è un aspetto che si presenta anche con nuotatori più esperti. Nuotare con la faccia rivolta verso il fondo della piscina va contro il nostro istinto naturale di guardare dove stiamo andando. L’utilizzo del boccaglio non elimina del tutto il problema, perché alla fin fine stiamo lottando con il nostro istinto di sopravvivenza e di limitazione dei danni (non è bello prendere testate in acqua!), ma ti incoraggia a guardare in basso.

3. L’uso può essere fatto (soprattutto) senza interferire con la tecnica corretta.

Il nuoto si basa principalmente sulla tecnica, quindi introdurre strumenti e attrezzature che possano aiutarti a migliorarla dovrebbe essere uno stimolo per aggiungere in ogni sessione di allenamento una discreta quantità di vasche dedicate ad essa.

ATTENZIONE!: Sia che si parli di palette, cordini elastici o pinnette, se NON siamo in grado di eseguire il movimento nel modo corretto, non faremo altro che rinforzare la tecnica sbagliata oppure enfatizzare il nostro errore. Il consiglio è sempre quello di farsi seguire in modo adeguato da un istruttore per una corretta impostazione natatoria, prima di intraprendere iniziative sbagliate. Una volta raggiunto un buon grado di consapevolezza, si può proseguire in autonomia e ternare ogni tanto per una verifica tecnica.

4. Ottimo per i kick set .

Non sarò né il primo né l’ultimo ad ammetterlo, ma detesto le tavolette per fare esercizi di gambe.

Lo si può utilizzare, senza abusarne, per fare un po’ di riscaldamento oppure calci super slow per sviluppare la sensibilità del piede all’acqua.

Sia che si tratti di riscaldarsi, fare un po’ di kick set oppure lavorare sulla sensibilità del piede all’acqua, l’utilizzo del boccaglio da nuoto è un buon compromesso per concentrarsi in modo specifico su determinati movimenti.

Puoi calciare dritto per la massima velocità, oppure puoi mettere le braccia sui fianchi e simulare lavorando sul movimento rotatorio delle spalle e dei fianchi per rispecchiare la naturale posizione del corpo mentre nuoti a pieno ritmo.

5. Ultimo ma non ultimo, il boccaglio da nuoto aumenta l’acquaticità

Il boccaglio ti aiuterà a concentrarti sui movimenti fondamentali. Fai un po’ di nuoto super slow con il boccaglio, cercando di focalizzarti sulla dinamica della bracciata. Nuota in ampiezza, lavorando sullo scivolamento in acqua.